Blog

Menzione speciale del Premio Giorgetti

Menzione speciale del Premio Giorgetti

image

Space Metropoliz riceve la menzione speciale del Premio Internazionale Marisa Giorgetti nella sezione Diritti Umani.

Il premio
Premio annuale assegnato ad una persona singola o a un gruppo di persone, ovvero ad un’associazione o un ente che si sia distinta nella realizzazione di iniziative o programmi che, sul piano sociale, culturale o politico abbiano concretamente operato per la difesa dei diritti umani fondamentali di singoli, gruppi e comunità, con particolare attenzione ai diritti delle persone più deboli e delle vittime di violenza, migrazioni forzate, persecuzioni e grave sfruttamento ovvero abbiano contribuito a consolidare processi di pace e di convivenza, ovvero a modificare atteggiamenti culturali o politiche pubbliche discriminatorie e lesive della dignità umana.

La motivazione
Il progetto di arte pubblica, è scaturito da un’idea di Giorgio de Finis e Fabrizio Boni, esperti nell’uso del medio audiovisivo come strumento di ricerca sociale e pratiche di trasformazione. L’intento è quello di utilizzare il cinema come strumento di aggregazione, di progettazione e di trasformazione del territorio, per contribuire alla rigenerazione socio-ambientale dell’ex fabbrica abbandonata, oggi occupata da persone senza dimora.

Space Metropoliz si prefigge di proporre un inedito modello di integrazione, recupero, autogestione e sperimentazione di una nuova convivenza urbana. L’occupazione della fabbrica infatti rappresenta non soltanto una soluzioni abitativa per le molte famiglie che ci vivono, ma anche l’inizio di una esperienza multiculturale inconsueta, che ha come ambizione quella di restituire vita all’immobile e alla città uno spazio pubblico.

Space Metropoliz in streaming

Space Metropoliz in streaming

Da oggi è finalmente disponibile in streaming gratuito il film Space Metropoliz, in 11 episodi.
Guardalo su Megatube o sul nostro Canale YouTube.

Uscirà il 21 novembre per Megatube (Multi Channel Network di Youtube in Italia, diretto da Luca Argentero) “Space Metropoliz”, documentario poetico e acuto, diretto da Giorgio de Finis e Fabrizio Boni, che racconta la storia e l’esempio di convivenza positiva che i romani e i migranti hanno sviluppato all’interno del Metropoliz, una ex-fabbrica di salami abbandonata alla periferia di Roma – quadrante stellare di Tor Sapienza, oggi tristemente al centro della cronaca – uno di quei posti dimenticati che sembrano usciti da un film di Pasolini.
Oggi il Metropoliz è uno spazio socio-abitativo, un cantiere etnografico, cinematografico e d’arte nel cuore della periferia romana ultimamente al centro dei riflettori.
Due registi-antropologi e curatori di mostre, un giorno, scoprono questo angolo nascosto di Roma e decidono di realizzare un film che racconti questa meravigliosa storia: il Metropoliz è al momento l’unica occupazione a scopo abitativo sul territorio italiano ad integrare i Rom in un progetto di autorganizzazione.
Nel 2009 la fabbrica abbandonata viene occupata dai Blocchi Precari Metropolitani insieme a circa 200 persone tra migranti, precari e famiglie senza casa: Italiani, Tunisini, Peruviani, Ucraini, Africani e Rom.
Ristrutturano, riparano, si organizzano e abitano quello spazio, cercando di farne un luogo dove condurre una vita dignitosa e uno spazio sociale e culturale aperto alla città.
Quando Giorgio de Finis e Fabrizio Boni decidono di girare un film sull’occupazione di Metropoliz, propongono agli abitanti un progetto surreale: costruire un razzo per andare a vivere sulla Luna. È una provocazione che solo apparentemente gioca con il delicato tema dell’emarginazione, ma che in realtà ha lo scopo di introdurre la dimensione del sogno, dell’immaginazione e dell’utopia in un contesto che troppo spesso vive un quotidiano schiacciato dal bisogno.
La Luna diventa così un luogo di incontro tra il Metropoliz e la città: artisti, scienziati, filosofi, ma anche cittadini e associazioni del quartiere vengono coinvolti in un gioco surreale a cavallo tra fantascienza e neorealismo, capace di raccontare una storia quanto mai attuale.
Oggi il Metropoliz è diventato un luogo di incontro e di produzione culturale che ospita, oltre a molte attività sociali, un museo di arte contemporanea tra i più prolifici della capitale: il MAAM, Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz.
Un esempio per la cittadinanza, e una testimonianza per i media, impegnati attualmente ad analizzare e riportare i fatti di cui, proprio in questi giorni, è teatro il quartiere di Tor Sapienza.
Il documentario, a partire dal 21 novembre 2014, sarà disponibile gratuitamente su Megatube (creators.megatu.be), il primo Multi Channel Network di Youtube in Italia che è anche un sito, un portale 2.0 che, sfruttando le potenzialità del colosso Google dei video web, costruisce per gli utenti un viaggio attraverso le migliori proposte di film in streaming, documentari, anime, musica, web series e così via.

Space Metropoliz in onda su Sky Arte

Space Metropoliz in onda su Sky Arte

image

Space Metropoliz su Sky Arte

In onda dal 23 ottobre

Guarda l’anteprima su Arte.Sky.it

L’arte come facilitatore sociale, catalizzatore di energie ed esperienze; come linguaggio universale capace di abbattere i pregiudizi: eliminando tensioni, preclusioni, bigottismo, razzismo. Un progetto unico nel suo genere quello di Space Metropoliz, piattaforma sperimentale che a Roma vede in campo comunità di origini, culture e tradizioni diverse, impegnate nella costruzione di un comune terreno di confronto.

C’era una volta un salumificio industriale nella periferia della città, poi dismesso e abbandonato. Dunque occupato abusivamente, risposta barely legal al dramma concreto dell’emergenza abitativa che da tempo immemore è tema scottante nell’agenda politica della Capitale. I suoi spazi diventano casa per intere famiglie, molte delle quali di origini rom e sinti, in una convivenza non sempre semplice con le persone di origini differenti.

Un luogo che si trasforma in una metropoli in miniatura e, dunque, in Space Metropoliz: questo il nome scelto da una coppia di videomaker e antropologi culturali, decisi a costruire insieme alla comunità locale un innovativo processo di aggregazione. Realizzato attraverso la forza del racconto e della condivisione, ma soprattutto grazie al potere dell’arte contemporanea. Coinvolgendo grandi firme della scena – non solo romana – in un programma di azioni condivisi.

A scendere in campo alcuni tra i migliori street-artist del panorama capitolino, considerato non a torto il più effervescente d’Italia: ecco all’opera Hogre e Lucamaleonte, Sten & Lex e Diavù; ma anche un artista concettuale come Cesare Pietroiusti. A introdurre il documentario una chiacchierata, in esclusiva per Sky Arte HD, con il suo produttore: l’attore Luca Argentero.

http://arte.sky.it/temi/salumificio-dove-si-confeziona-arte/

Space Metropoliz al Teatro Valle Occupato

Space Metropoliz al Teatro Valle Occupato

valle

Space Metropoliz | serata meticcia

Martedì 18 marzo, Teatro Valle Occupato

Nell’ambito degli appuntamenti sul diritto alla città, Space Metropoliz sarà proiettato al Teatro Valle Occupato mMartedì 18 marzo alle ore 21.00.

Saranno presenti: i registi, i protagonisti, gli abitanti di Metropoliz, gli attivisti dei movimenti per il diritto all’abitare e gli artisti che oggi espongono al MAAM.

PROGRAMMA:

  • h.19.00: dibattito “Energia sociale in luoghi svuotati” con Paolo di Vetta (BPM), Fabrizio Boni (regista), Giorgio de Finis (regista), Tarik Fedouach (Metropoliz), Gian Maria Tosatti (artista), e altri.
  • h.21.00: proiezione di Space Metropoliz (100 min).

INFO:
Sito del Valle Occupato
Programma completo
Evento Facebook

EXTRA Space Metropoliz

EXTRA Space Metropoliz

extra-space-white

EXTRA Space Metropoliz

Sabato 21, ore 18.00, Metropoliz, Via Prenestina 913.

Sabato 21 dicembre, nell’ambito dell’evento EXTRA-ORDINARY DAY – giornata organizzata dal MAAM in occasione del Rebirth-day – proietteremo gli EXTRA del film Space Metropoliz.

Guarda il Trailer

Tutto quello che non avete ancora visto, tutto quello che il film non è riuscito a contenere, tutto quello che è accaduto a Space Metropoliz.

Conoscerete le opere di Angelo Bellobono, Fabio Pennacchia, Guendalina Salini, Paolo Assenza, le performance di Christine Quoiraud, Matteo Fraterno e Sasà Giusto, l’opera integrale di Hogre, il nuovo corso artistico di Sten & Lex, il Museo dell’Arte Contemporanea Italiana in esilio di Cesare Pietroiusti, , la Luna di carta pesta di Federico Baciocchi, e tanto, tantissimo altro.

Space Metropoliz torna a Milano, al Leoncavallo

Space Metropoliz torna a Milano, al Leoncavallo

La Terra Trema

In occasione della 7a edizione de La Terra Trema, il Leoncavallo di Milano ospiterà Space Metropoliz

Giovedì 21 novembre, alle 21.00, presso il Leoncavallo Spazio Pubblico Autogestito, in via Watteau 7 a Milano, proiezione di Space Metropoliz come evento satellite della festa di La Terra Trema.

PROGRAMMA
ore 20 | Cena nella Cucina Pop
ore 21 | Proiezione di Space Metropoliz
ore 23 | Ring the Alarm: Vito War + GoldenBass + I-Tal Sound

Ingresso gratuito

Space Metropoliz al Levante International Film Festival

Space Metropoliz al Levante International Film Festival

LIFF - Metropolis

Space Metropoliz partecipa come evento speciale alla 11o Levante International Film Festival

Il 21 novembre alle 16.00, presso l’Aula Magna “Attilio Alto” del Politecnico di Bari, il film sarà proiettato nell’ambito di una giornata intitolata “La Città Sostenibile”. Una grande casa, un progetto collettivo e un sogno: Space Metropoliz. “La Città Sostenibile” è il tema del nuovo appuntamento della sezione Metropolis del Levante International Film Festival.

Realizzato in collaborazione con i Corsi di Storia dell’Architettura e Storia dell’Arte del Politecnico di Bari diretti dal Prof. Francesco Moschini, e in particolare promossa nell’ambito del Progetto di Ricerca “Territori del Cinema: Stanze, Luoghi, Paesaggi”, (curato da Vincenzo D’Alba, Valentina Ieva e Francesco Maggiore) la proiezione sarà preceduta da un incontro dibattito con Rosa Ferro, Giorgio De Finis, l’artista Gian Maria Tosatti, autore di un’opera ripresa nel film, Prof. Francesco Moschini, architetto e storico dell’arte, Prof. Donato Forenza, paesaggista AIAPP e critico d’arte. Modera la giornalista Marilena Di Tursi.

Menzione speciale per Space Metropoliz all’Art Doc Festival

Menzione speciale per Space Metropoliz all’Art Doc Festival

Art Doc Festival

Space Metropoliz riceve una menzione speciale dal comitato scientifico dell’Art Doc Festival

In occasione della rassegna “Conversazioni Video” organizzata da Art Doc Festival, evento collaterale del Festival Internazionale del Film di Roma, il film documentario Space Metropoliz ha ricevuto la menzione speciale del comitato scientifico del festival

per l’originalità, la qualità filmica e la scelta dei soggetti.

Il riconoscimento arriva a coronare una splendida serata che ci ha visti alla Casa dell’Architettura con una proiezione affollatissima e ricca di nuove emozioni.

Space Metropoliz al Trieste Science+Fiction

Space Metropoliz al Trieste Science+Fiction

TS Science+Fiction

Trieste Science+Fiction – Festival della Fantascienza
1° Novembre 2013 – ore 16,30 – Teatro Miela

Dopo l’anteprima italiana al Fantafestival di Roma (e dopo molte altre partecipazioni a festival e rassegne) il film Space Metropoliz torna a far parlare di se tra gli appassionati di fantascienza.
Il film infatti è stato inserito nella rassegna Spazio Italia del Trieste Science+Fiction interamente dedicata alla fantascienza made in Italy. Appuntamento di riferimento per tutte le nuove e più interessanti produzioni sci-fi nazionali, Spazio Italia offre quest’anno una selezione di corti, documentari e lungometraggi, distribuiti su due giornate, venerdì 2 e sabato 3 novembre, al Teatro Miela, con ingresso libero.

Per saperne di più: www.sciencefictionfestival.org

Space Metropoliz al festival di Luca Zingaretti

Space Metropoliz al festival di Luca Zingaretti

Hai visto mai
Prosegue la tournée italiana di Space Metropoliz.
Il nuovo appuntamento è al Festival di documentari Hai Visto Mai, diretto da Luca Zingaretti, che querst’anno arriva alla 8a edizione.
Il film è stato selezionato fuori concorso e sarà proietttato domenica 22 settembre alle ore 15:00 al Teatro Signorelli di Cortona.
Saranno presenti alla proiezione il co-produttore Luca Argentero e gli autori, Fabrizio Boni e Giorgio de Finis.